Reviews - Andrea Dieci International Homepage

Andrea Dieci
andreadieci.it
Go to content

Reviews

"… Caratteristica di questo interprete è la scelta rigorosa dei programmi, mentre la ricerca interpretativa, pur sostenendosi a basi tecniche di grande ricchezza, punta soprattutto alla rivelazione dei valori espressivi della musica… Uno dei migliori talenti nazionali…"
La Stampa
 
"… Un interprete di grande abilità esecutiva e raffinatissima sensibilità musicale… Dire che Andrea Dieci possiede in modo completo ed estremamente esauriente tutti i segreti tecnico-esecutivi della chitarra, può sembrare persino riduttivo per chi ha potuto nella circostanza seguirne l'agilità di articolazione e la perfezione del linguaggio e del fraseggio (da vero virtuoso, si potrebbe dire in una sola parola), la sorprendente abilità nel sondare ogni risorsa timbrica e sonora del proprio strumento (facendone emergere risvolti esecutivi di splendida fattura)…"
Eco di Bergamo
 
"… Il programma proposto, forgiato dai nomi di Bach, Villa-Lobos, affiancati ai moderni Takemitsu e José, è stato trattato con singolare cura nel fraseggio e nella ricerca di sonorità raffinate. Pertanto ne sono risultate interpretazioni di ottimo livello che hanno polarizzato l'attenzione dei presenti… Il pubblico ha espresso coralmente il proprio consenso…"
Corriere di Torino e della Provincia
 
"… With grace and style, Dieci stroked his way through repertoire one hears less often at guitar recitals nowadays, enveloping us in the wealth of early 20th century romantic composers that seems to have been neglected since Julian Bream – of whom this young performer is rather reminiscent. His phrasing was exceptional, and each nuance delicate and precise. Clarity, emotion, dexterity - a flawless technique to die for! Simply incredible! …"
News Stories South West, UK
 
"… Exuding talent from every pore, Andrea Dieci is surely only a heartbeat away from being one of all-time great guitar legends. Flawless and supreme..."
Royal Cornwall Gazette, UK

"… Ottima la prova dell'interprete, disinvolto anche nei passaggi più impervi, dotato di un'esemplare chiarezza di fraseggio e di un suono caldo e potente… Vogliamo sottolineare l'intensa attenzione del pubblico durante le sue esecuzioni, a riprova della lucidità di pensiero musicale dell'interprete…"
Il Monferrato

"… an entirely valid interpretation… musical and intelligent, fulfilling all the requirements…"

Colin Cooper, Classical Guitar, UK

'IMPRESSIVE' GUITARIST…

DIECI DISPLAYS MARVELLOUS TECHNIQUE
"… Mr. Dieci played with a lot of feeling… It was clear that the audience had heard a youthful master, an upcoming talent…"
Times Herald, USA
 
"… Il n'est pas exagéré de dire que cette version rivalise avec les enregistrements réalisés par John Williams ou par Eduardo Fernandez pour faire référence à de grands exemples…"
Les Cahiers de la Guitare et de la Musique, Francia
 
"… Ritmo sorvegliato, precisione tecnica e senso poetico accompagnano le sue esecuzioni…"
Giornale di Brescia
 
"… L'eccellenza è raggiunta nel Nocturnal di Britten, che con le sue variazioni retrograde sonda risorse tecnico-espressive dello strumento che non tutti possono permettersi di sciorinare: dall'alto della propria irreprensibilità tecnica Dieci non si sottrae alla sfida, uscendone trionfatore… A chiusura di un programma che ritrae il Novecento chitarristico con nitidezza ed espressività non potevano mancare i Dodici Studi di Villa-Lobos… Date le premesse avrete già capito che considero quella di Dieci una delle migliori incisioni in assoluto del titanico ciclo…"
Il Fronimo
 
"... Dieci spielt mit großer Ausstrahlung, technisch scheint keine Probleme zu haben..."
Musikblatt, Germania

"… Il noto chitarrista Andrea Dieci, autore di varie incisioni e concertista affermato, ha ribadito la sua raffinatezza e morbidezza di tocco…"
L'Arena
 
"… Un recital chitarristico assolutamente splendido… Andrea Dieci ha dimostrato di possedere una tecnica superba, un'esasperata sensibilità per il colore del suono…"
Bresciaoggi

"… Andrea Dieci sfoggia tutte le sue qualità, sorretto da un’impeccabilità davvero fuori dal comune…"
Il Fronimo
 
"… chiarezza di pensiero e nitidezza esecutiva… Per non dire della qualità e definizione di un suono estremamente duttile ed espressivo… Chiarezza "intellettuale" ed "emotiva" potrebbero essere appunto gli estremi entro cui si muove il raffinato esercizio interpretativo di questo giovane ma completo musicista…"
Seicorde

"… Ho ascoltato con piacere e profondo rispetto il tuo CD su Takemitsu. Hai fatto una buona scelta incidendo quel repertorio così significativo, specie in un tempo in cui ci si ciba spesso di musica che avrebbe fatto meglio a restare nella penna di chi l'ha scritta. Sarà forse grazie a questo genere di scelta che il genio della chitarra tornerà a farsi vedere nel mondo dei concerti. Il tuo modo di suonare, così semplice e costellato di finezze espressive sempre più azzeccate, incute rispetto e suscita ammirazione…"
Oscar Ghiglia, lettera ad Andrea Dieci (commenti al doppio CD “TAKEMITSU: Opere complete per chitarra sola” – MAP Golden 2004)

"… impeccabile sotto ogni aspetto… Il testo è meditato da ogni angolatura e l'estrema varietà delle soluzioni espressive è vincolata a una chiara visione d'assieme…"
Musica

"... «Bravo!» Coming from the audience..."
Harmony, Giappone
 
"... To record all Takemitsu’s solo guitar works is a major undertaking, but Dieci acquits himself extraordinarily well in his performance of these modern classics… Dieci has a quiet and concentrated way of his own and it reveals Takemitsu’s subtle colouring with extraordinary vividness… If players continue to bring to his music the same kind of refined subtlety that Andrea Dieci does, Takemitsu’s music will survive… Andrea Dieci’s finely played and thought-out ‘Complete Works’ is to be welcomed with enthusiasm, providing as it does, on 2 CDs of absorbing interest, as complete a picture of Takemitsu’s music as we are likely to have for a long time."
Colin Cooper, Classical Guitar, UK (recensione del doppio CD “TAKEMITSU: Opere complete per chitarra sola” – MAP Golden 2004)
 
"... L‘ approccio lirico di Dieci combina virtuosismo ed espressività in un’esecuzione molto chiara e rifinita, di cui si apprezza anche l’assenza dei rumori solitamente prodotti dalle dita sulle corde. La sua musica è molto piacevole da ascoltare."
Swiat Gitary, Polonia
 
"... L'esibizione di Dieci è stata davvero "impressionante" sotto ogni punto di vista... Dieci ha dimostrato di possedere tutte le doti di un grande musicista: virtuosismo tecnico, senso estetico, espressività. Due, in particolare, le peculiarità evidenziate da questo bravissimo artista: anzitutto una straordinaria musicalità, che il chitarrista traduce in una meticolosa attenzione alle dinamiche e al fraseggio... E poi una lucidissima capacità di variazione timbrica. Il suono di Dieci muta di senso e di espressività con perfetto tempismo non solo a seconda delle frasi musicali che esegue ma altresì all'interno di ognuna di queste, in ogni singola cellula tematica, in ogni più piccolo inciso sonoro. Il risultato è una meravigliosa varietà di suoni, dalla quale derivano sensazioni sempre diverse che si susseguono in un vortice di emozioni che quasi ubriacano l'ascoltatore... "
Libertà

"
... The highlight here is In the Woods, where Mr. Dieci's focus is impressive. In a piece of music this sparse it is imperative to make the most out of every gesture. As the atmosphere becomes more hypnotic the interpretation is magnificent, even the most subtle variations become intense musical moments..."
Guitar Review (USA)

"… Bravissimo per i 12 studi… Questo cd dovrà essere il vangelo dei giovani chitarristi di domani! Magari l' avessi avuto io negli anni formativi... Bravo tante volte!..."
Oscar Ghiglia, lettera ad Andrea Dieci (commento al doppio CD “VILLA-LOBOS: The Complete Works for Solo Guitar – MAP Maestro 2010)
 
"… Ancor più interessante è stato il lavoro nel secondo brano, il celeberrimo Concierto de Aranjuez di Joaquin Rodrigo, per chitarra e orchestra: qui il maestro direttore ha saputo integrare il solista […], delineando con chiarezza i fondali sonori su cui risaltava ancora di più la chitarra di Andrea Dieci, capace di illuminare in maniera impagabile la complessa ma ariosa scrittura di Rodrigo, soprattutto nel secondo tempo, il più noto (e quello che ha provocato un applauso a scena aperta)…"
Il Popolo Cattolico
 
"... Andrea Dieci has clearly not only responded sensitively to every detail of Takemitsu's meticolous notation, but gone beyond it to give these works that special magic that derives from unwritten imperatives not contained in the score... Masterly too is Dieci's command over a whole arsenal of tiny sonorous devices, from minute microtonal inflections to a vast palette of timbral effects... This is music which demands a kind of restrained, elegant poise in order to succeed, and it's my feeling that this is a quality in which Dieci excels…"
Bollettino della “Takemitsu Society”, Londra (UK)
 
"… Andrea Dieci, una vera star della chitarra classica…"
Corriere della Sera
 
"... Estremamente elegante, raffinata e, come di consueto, impeccabile la lettura di un chitarrista di classe adamantina quale Andrea Dieci... "
Amadeus

"... Il noto musicista milanese ANDREA DIECI si è esibito davanti a un folto pubblico offrendo un programma di grande livello interpretativo. Dopo l'entrata in materia con due Sonate di Domenico Scarlatti (trascrizioni per chitarra di Andrea Dieci), è stata la volta della monumentale pagina bachiana per eccellenza, la Ciaccona (dalla partita in re minore BWV 1004). Andrea Dieci si è dimostrato grande Maestro del proprio mezzo, sciorinando 15 minuti di maestosità musicale senza calo alcuno e sorretto da grande sicurezza. A seguire le variazioni su un tema di Haendel di Mauro Giuliani eseguite con plasticità e godimento sonoro. Dopo la meritata pausa è stata la volta di un compositore giapponese, Toru Takemitsu, Tre Canzoni tratte da 12 Songs del 1977, splendidi affreschi musicali di calda melodia che hanno incantato la platea, così come il Preludio e il Choros N. 1 di Heitor Villa-Lobos. Strepitoso il finale virtuosistico con le Tres Piezas Españolas (Fandango, Passacaglia, Zapateado) di Joaquín Rodrigo, ardua e completa la prima danza e assolutamente saziante cui hanno fatto seguito le altre due, solo per mani virtuosistiche. Grande generosità del musicista in conclusione con due brani fuori programma..."
La Regione/Ticino (Svizzera)

"… Invidiabile nitore tecnico ed eleganza di fraseggio, che esaltano la grande qualità di un discorso musicale profondo e sopraffino…"
Amadeus

"... La sua interpretazione si fonda su pilastri incrollabili di tecnica musicale e forza espressiva, nei quali l’ascoltatore trova una guida sicura per districarsi nei fitti anfratti in cui si snoda ogni passaggio. Un CD di altissima fattura..."
Seicorde (recensione del CD “HENZE: Complete Music for Solo Guitar” – Brilliant Classics 2016)

"… Andrea Dieci non fa che confermare le qualità che giustamente lo hanno reso famoso nell’ambiente chitarristico internazionale, ossia l’invidiabile nitore tecnico, il fraseggio sempre chiaro ed elegante anche nei passaggi più ostici, una condotta e un carattere apollinei e raffinati…"
Il Fronimo (recensione del CD “GIULIANI: Music for Violin and Guitar” – Brilliant Classics 2018)

“... Su guitarra se llama ‘Butch’, fue construida por José Luis Romanillos expresamente para él hace casi treinta años. Si el sonido del instrumento es una delicia, las manos de quien lo pulsó sacaron su mejor partido acariciando las notas sin esfuerzo y con el dominio de una técnica bien depurada… Estupendo concierto...”
La Plazuela, Spagna

"… La splendida presa di suono, la meravigliosa chitarra Hermann Hauser del 1939 (che fu di Segovia), la profonda e impressionante lettura di Dieci: tutto contribuisce alla eccellenza di questa registrazione, destinata a diventare un punto di riferimento ineludibile…"
Amadeus (recensione del CD “TAKEMITSU: Complete Music for Solo Guitar” – Brilliant Classics 2018)

“... Andrea Dieci’s dramatic performances of Henze’s two Sonatas on Shakespearean Characters… Dieci proves himself more than equal to the task of transmitting Henze’s – and at least some traces of Shakespeare’s – psychological depth and subtlety. As such this recording offers a fresh and viable alternative to those excellent accounts already on the market by the likes of Bream (RCA) or Halasz (Naxos)”
Gramophone, UK (recensione del CD “HENZE: Complete Music for Solo Guitar” – Brilliant Classics 2016)

"… Dieci è all’altezza della musica che suona: non solo scolpisce la lettura dell’opera di Henze con esemplare chiarezza ritmica, ma la ammanta di una ricercatezza coloristica di alta scuola. Un disco importante."
Il Fronimo (recensione del CD “HENZE: Complete Music for Solo Guitar” – Brilliant Classics 2016)

“... Il concerto inaugurale è rimasto prettamente chitarristico: protagonista uno dei concertisti italiani più in vista, il milanese Andrea Dieci, che si è confrontato con tutta l’opera per chitarra sola di Villa-Lobos. La Suite Populaire Brésilienne posta in apertura ha subito messo in luce le grandi qualità della prospettiva di Dieci sul compositore brasiliano… La serie dei Preludi ha confermato tutti i pregi di tale visione interpretativa… Infine gli Studi, coraggiosamente affrontati in fondo al lungo programma, eppure il concertista non ha ceduto un passo in termini di freschezza digitale, di energia espressiva e di acume interpretativo.”
Roberto Brusotti – Musica

“El intérprete milanés Andrea Dieci emocionó ayer al público seguntino en un concierto mágico, que muchos asistentes escucharon con los ojos cerrados, dejando que el sonido de la guitarra, construida por el lutier afincado en Sigüenza, José Luis Romanillos, acariciara sus sentidos...”
El Liberal de Castilla (Spagna)

Copyright © 2010-2021.
All Rights Reserved.

Back to content